coronavirus_stress.webp

Emergenza Covid-19

Cos’è l'infezione da Coronavirus?

I coronavirus sono virus a RNA che, nell'essere umano, causano infezioni respiratorie lievi, nella maggior parte dei casi, e gravi, solo raramente.

Forniti di capsula e di dimensioni comprese tra gli 80 e i 160 nm, i coronavirus rientrano, insieme ai rhinovirus, ai virus influenzali e ai virus parainfluenzali, tra i principali responsabili del raffreddore.

Quando infettano l'essere umano, i coronavirus causano solitamente sintomi quali naso che cola, mal di gola, tosse, cefalea e febbre.

 

Non esistono terapie specifiche contro i coronavirus, ma solo rimedi sintomatici; attualmente, peraltro, non esiste nemmeno un vaccino.

 

Nell'ultimo ventennio i coronavirus si sono imposti alle attenzioni del mondo per tre motivi: l'epidemia di SARS, tra il 2002 e il 2003, l'epidemia di MERS, tra il 2012 e il 2013, e la recente epidemia di SARS-CoV-2, iniziata a fine dicembre 2019.

AmuchinaGel-720x540-1.jpg

Perchè ne parliamo?

È obiettivo primario del Centro Ippocrate garantire sicurezza alle pazienti, ai familiari e accompagnatori, nonché a tutto il personale sanitario. A tale scopo abbiamo messo in atto, dal mese di febbraio 2020, tutte le precauzioni raccomandate dal Ministero della Salute, dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli in tema di sicurezza negli ambulatori medici (pre-triage telefonico, visite su appuntamento programmato, termoscan all'ingresso, pulizia e sanificazione ambientale, uso dei DPI, gel disinfettante a disposizione del pubblico, distanziamento in sala d'attesa, ecc.). 

Cosa fare?

In caso di febbre superiore a 37,5°C e/o sintomi respiratori (tosse, raffreddore, difficoltà respiratoria, mancanza di olfatto o gusto), si raccomanda di contattare in prima istanza il proprio medico di base. In presenza di sintomi da moderati a severi contattare il Servizio di Emergenza Territoriale 118, che valuterà se eseguire il tampone naso-faringeo o inviare in Ospedale.

È assolutamente da evitare di presentarsi al Centro nel caso in cui i suddetti sintomi siano presenti, anche in persone o familiari frequentati negli ultimi 7 giorni.

wired_placeholder_dummy.jpeg