Pap-test, colposcopia e biopsia a Napoli


Nella diagnosi e nella prevenzione di malattie ginecologiche, il Centro Ippocrate effettua sulle proprie pazienti anche pap test, colposcopia e biopsia a Napoli con strumentazioni d’avanguardia.

  • Pap Test, la citologia cervicovaginale, più comunemente conosciuta come Pap test, ha varie finalità: rilevare lesioni citologiche precursori di neoplasie cervicali, in modo da attuare prevenzione e diagnosi precoce; evidenziare le infezioni cervicovaginali (virali, batteriche, micotiche, etc.) e valutare il clima ormonale. Il Pap test viene eseguito durante la visita ginecologica prelevando dalla cervice, in maniera del tutto indolore, delle cellule che verranno poi osservate al microscopio. Importantissimo per la diagnosi di infezione causata da un particolare virus chiamato papilloma virus (HPV), tra i principali responsabili del carcinoma al collo dell'utero. Dall'analisi del campione citologico può essere rilevata la presenza di eventuali lesioni precancerose. Il Centro, oltre che a pap test, colposcopia e biopsia a Napoli, effettua anche il Thin-Prep, una moderna metodica di Pap-test che offre notevoli vantaggi, ad un costo solo lievemente superiore, nella diagnosi delle patologie della cervice uterina. Il vantaggio principale consiste nella possibilità di effettuare il DNA-HPV-test per la ricerca del Papillomavirus nelle cellule della cervice uterina. Il tumore del collo dell'utero, conosciuto anche come carcinoma della cervice uterina, progredisce lentamente e, se diagnosticato in tempo, può essere curato rispettando l'integrità anatomica e funzionale della zona, per questo il pap test è un esame utilissimo che andrebbe ripetuto una volta all'anno, mentre il DNA-HPV-test è raccomandato ogni 3 anni. La risposta si ottiene entro due settimane,
  • Colposcopia, un esame che permette la visione ingrandita da 2 a 60 volte della cervice uterina, parte più esterna del collo dell'utero. Mediante la visione ingrandita il medico riesce a rilevare anomalie, eventuali lesioni, alterazioni o neoplasie che potrebbero sfuggire ad una visione ad occhio nudo. Sulla superficie da esaminare viene applicata una soluzione che ha la capacità di mettere in risalto le aree anomale eventualmente presenti. Nelle zone sospette, per una diagnosi sicura, può essere effettuata una biopsia. La risposta è rilasciata immediatamente dopo la visita.
  • Biopsia, un piccolo prelievo di tessuto dall'area dove si siano evidenziate anomalie durante la colposcopia, il campione sarà analizzato tramite un esame istologico al microscopio per stabilire se si tratti di se si tratta di cellule infiammatorie, di cellule precancerose o cancerose. La risposta è solitamente consegnata entro due settimane.