Metodi contraccettivi a Napoli


Gli specialisti dello studio ginecologico Ippocrate sanno anche consigliate alle loro pazienti i metodi contraccettivi a Napoli che meglio si adattano alle proprie esigenze. I metodi contraccettivi agiscono su diversi fattori: impedendo la penetrazione degli spermatozoi nell’utero, bloccando l’ovulazione, modificando il muco cervicale, impedendo l’annidamento dell’ovulo fecondato allo scopo di controllare, in modo temporaneo e reversibile, il processo della riproduzione. I vari metodi contraccettivi funzionano con modalità differenti, pertanto possono avere differenti controindicazioni, percentuali di affidabilità, facilità d’uso, effetti collaterali.


Alcuni metodi contraccettivi a Napoli molto efficaci sono ancora poco conosciuti per scarsa informazione. Per esempio, in Italia le donne che fanno uso di estroprogestinici sono solo il 15% circa, contro il 50% circa del Belgio. In Campania sono solo il 6% circa, contro il 30% circa della Sardegna. Per superare diffidenze e paure, la corretta conoscenza dei vari strumenti è naturalmente solo il primo passo, il passo successivo è rivolgersi con fiducia a una struttura dove medici specializzati saranno in grado di chiarire ogni dubbio e consigliare il metodo contraccettivo più adatto alle esigenze di ciascuna coppia.


Anche per le giovanissime, ma non solo, una novità è rappresentata da Jaydess©. Più piccolo dei precedenti dispositivi intrauterini (30mm anziché 32mm), viene inserito dal ginecologo del Centro Ippocrate, è efficace per tre anni e rilascia 13,5 mg (anziché 20) di levonorgestrel. Questo progestinico, oltre a garantire l’effetto contraccettivo superiore al 99%, provoca ispessimento del muco e crea una barriera alla penetrazione dei germi, causa di vaginiti batteriche, come Candida, ma anche Clamidia che può portare sterilità. Non protegge però dai virus HIV e HPV per i quali si consiglia sempre il profilattico. Riduce inoltre il dolore mestruale e ha un effetto positivo sull’endometriosi. Contenendo solo il progestinico, si sta studiando l’utilizzo anche nelle donne che non possono assumere estrogeni. A differenza della pillola, del cerotto e dell'anello vaginale, che sono soggetti a dimenticanze, questo metodo, inserito dal ginecologo ed efficace per tre anni, è molto affidabile e potrebbe rappresentare una valida alternativa per le adolescenti. Può essere rimosso in qualsiasi momento e, in tal caso, il ritorno alla fertilità è immediato.